Alto gradimento a Bari per un lungo Travel Open Day

Il Travel Open Day piace con più ore per lavorare e senza interruzioni. Ce lo dicono nelle interviste gli operatori e le agenzie di Bari e del territorio pugliese, che hanno risposto di nuovo molto numerose all’invito del Travel Open Day, nelle belle sale del Mercure Villa Romanazzi in una fredda e luminosa giornata di febbraio.
Affollatissima la formazione sulla Fatturazione Elettronica, un’ora e mezza con la specialista Caterina Claudi e Piero Innocenti, presidente di Fiavet Puglia, conclusa con un intenso question time e l’invito rivolgersi all’associazione per trovare risposta ad ogni quesito ancora irrisolto.
Poi i lavori del workshop dalle 15,30 fino alle 20, quattro ore e mezza in tutto relax con quasi 70 agenti di viaggi e una venitna di fornitori ai due lati dei desk. Per concludere alla tavola di Villa Romanazzi con le specialità pugliesi, e poi tirare tardi con la dance anni 80 e 90 del dj specializzato. Giornata riuscita per tutti, come ci dicono alcuni dei protagonisti.

Gigi Torre e Birgit Gfölner con le toragazze di Dondequiera, arrivate da Taranto

Gigi Torre e Birgit Gfölner con Patrizia Ricchetti e Tiziana Ciochessa di Dondequiera, arrivate da Taranto: «Da noi la stagione è partita alla grande – dice Tiziana – Con un filo di presunzione io credo vinca la professionalità. La gente è stanca del web, anche i ragazzi vogliono il viaggio della maturità organizzato da noi».

Gigi Torre, Gioco Viaggi. «Le agenzie sono arrivate di continuo, a scaglioni e anche oltre le sette di sera. È bello lavorare con questi tempi, senza l’affanno della fila in attesa per parlarti. Poi sono venute anche molte agenzie che non erano registrate. Funziona benissimo la nostra condivisione del desk con Birgit Gfölner di Star Clipper. La giornata è stata lunga e senza interruzioni, molto tranquilla, proprio quel che ci vuole per lavorare bene».

MIchele Croce tra Angela Girasole e Leonardo Bitetti

Michele Croce tra Angela Girasole e Leonardo Bitetti

Angela Girasole e Leonardo Bitetti, insieme nella vita e in Hotel California, agenzia di Santeramo in Colle. «La stagione sta partendo – dice Angela – si muove prima il lungo raggio, è tempo di viaggi di nozze e di crociere, un accenno di villaggi. Qui da noi le cose vanno». E Leonardo: «Travel Open Day arriva nei tempi giusti per l’early booking degli operatori, ci aiuta a stare pronti e spingerlo ora che è il momento».

Michele Croce di Good Life Viaggi arriva da Stornarella, in provincia di Foggia: «Davvero Travel Open Day coincide con il decollo della stagione, ci offre le informazioni giuste. E qui c’è tempo finalmente per parlare con calma con i fornitori».

Claudio Neri

Claudio Neri

Claudiio Neri, Aerolineas Argentinas. «Le agenzie hanno chiesto molte informaizoni, c’è stato interesse ,quache nuova prospettiva per gruppi. Qui la stagione sta partendo, si vede un ritorno importante di clientela dal web all’agenzia. Certo l’Argentina è un prodotto impegnativo che difficilmente si acquista online, ma i segnali ora sono buoni»

Maria Teresa Colaluce e Olimpia Di Pierro

Maria Teresa Colaluce e Olimpia Di Pierro

Olimpia di Pierro, A Proposito di Viaggi, Mola di Bari. «Certo che mi piace Travel Open Day, ci siamo solo per noi e i fornitori. Interessante e formativo. E si, anche da noi la stagione è partita bene, meglio che nel 2018».Maria Teresa Colaluce, i Viaggi di Ivana, Giovinazzo. «Qui al TOD vengo sempre volentieri, trovo il confronto diretto con i fornitori. Serve anche per risolvere problemi, è bella pure la rimpatriata con partner che conosciamo benissimo. Si qui la stagione è partita bene, molti viaggi di nozze e gamma medio-alta. Noi la crisi mai vista davvero, neppure nei periodi più bui, certi allarmismi dei media non sono credibili. Patisce solo il mare Italia, più che altro molto disintermediato, come la neve».

Carmelo Giordano al desk di GNV

Carmelo Giordano, GNV. «La formazione è un plus motivante dei Travel Open Day, questa sulla fatturazione elettronica aggiunge valore al workshop, è un richiamo forte. Poi sono venute molte agenzie non preregistrate, segno di un bel passaparola forte, l’organizzazione funziona. Bello soprattutto l’orario lungo del TOD. Con oltre quattro ore a disposizione si lavora bene, le agenzie arrivano a ondate e c’è tempo per parlare con calma anche vedendone tante, e poi si fa rete anche a cena, anche nel momento conviviale. E anche per noi quest’anno sta decollando bene, i Ponti quest’anno ci sono e anche la Pasqua promette bene».

Andrea Dolce e Giuseppina Di Biase

Andrea Dolce e Giuseppina Di Biase

Elean Travel, Foggia. Andrea Dolce: «Il Travel Open Day è comodo, sempre. Quest’anno espositori anche più

Milena Valenzano

interessanti dell’anno scorso, ottima location, si fa buon business e si comunica bene. Alla prossima!». Concorda Giuseppina Di Biase: «Il TOD è sempre una bella esperienza di informazione e di confronto, e la stagione è appena cominciata, siamo  molto positivi!».

Milena Valenzano, KM O, Casamassima, Bari. «Vengo al Travel Open Day sempre, da quando sono cominciati, mai mancato un appuntamento. Perché è bello socializzare con tanta gente, ritrovomcolleghi che non vedevo da tanto. Invece nelle fiere c’è troppa confusione. E poi quest’anno iniziato benissimo, molto meglio del 2018. Qui il turismo tira, io sono sul campo da 11 anni, il vero problema qui è solo il cliente che resta in Italia pensando di spendere meno…assurdi».