Spagna: l’incoming festeggia, non l’outgoing

port1_0Con un altro 7% di crescita dell’incoming nel 2015 la Spagna si conferma terzo Paese più visitato del mondo, dopo Francia e Stati Uniti. Ma nel frattempo i tour operator spagnoli scontano il loro ritardo digitale e la crisi economica.
Lo afferma l’ultimo approfondito rapporto di  Phocuswright  sul mercato spagnolo, intitolato Spanish Online Travel Overview Eleventh Edition, con informazioni e dati dettagliati su tutti i segmenti e le regioni del Paese.

Il ritardo digitale

 

spanish-share-of-european-total-and-online-travel markets

La quota di mercato spagnola in Europa, nell’online e sul totale

Nel rapporto si considera tra l’altro che la Spagna sconta anche molti problemi condivisi con l’Italia. Riporta infatti Cathy Schetzina Walsh, senior analyst di Phocuswright, che «Le imprese tradizionali spagnole, e soprattutto i tour operator, sono stati molto lenti nell’adattarsi al nuovo contesto online. Diversamente da tutte le altre imprese  che si sono digitalizzate puntando su online e mobile, e ora raccolgono i frutti di queste scelte».

23 miliardi di valore, ma l’outgoing stenta
Dopo anni di difficoltà economiche la Spagna ha chiuso il 2015 con PIL nazionale avanti del 3,5%. E tuttavia al grande slancio dell’incoming, evidentemente favorito anche dalla lunga crisi del Nord Africa, non corrisponde la tendenza dell’outgoing, ancora fortemente penalizzato dalle misure di austerità e dalla disoccupazione giovanile ch sfiora il 50%.
Nel complesso il mercato turistico totale in Spagna nel 2015, a conti fatti, dovrebbe segnare una crescita del 7%, fino a un totale di 23miliardi di euro. La tendenza positiva, stimano da Phocuswright, potrebbe portare un altro 7-8% di progresso fino al 2017.

Traina la crescita il mercato online, sia da computer che da mobile, con un progresso a due cifre che dovrebbe mantenersi fino al 2017. E Phocuswright prevede che la quota di mercato delle grandi online agency tenderà a scendere, per il grande impegno che gli albergatori spagnoli dedicano alla promozione del booking diretto sui loro siti. M.F.