Boghi Viaggi: «Al turismo benessere ci pensiamo noi»

Enrico Boghi_Boghi ViaggiCantù: cittadina alle porte di Como nota, alle altre latitudini italiane, quasi esclusivamente per la sua gloriosa squadra di basket.

Ma Cantù è anche un centro storicamente operoso, basti pensare all’antica tradizione del pizzo o alla produzione artistica del mobile: una realtà quindi dove spirito imprenditoriale e artistico vanno a braccetto di buon grado.
E’ in questo contesto che si forma Enrico Boghi (nella foto a sx), classe ’72 che con la sua Boghi Viaggi, prossima a festeggiare il decennale di attività quest’anno, è pronta a fare un salto di qualità immettendo sul mercato un prodotto «wellness, termale e incoming, creato da un’agenzia e pensato solo per le agenzie», come spiega lo stesso titolare, presentando il nuovo marchio “Collection by Boghi Viaggi”.

Come nasce l’idea e di cosa si occuperà il marchio “collection”?
Il tutto parte pochi mesi fa, con l’acquisizione della programmazione di “I feel by I-Pure group”, dedicata al prodotto wellness e termale, che abbiamo riveduto e ampliato grazie alla collaborazione con strutture alberghiere e termali italiane e straniere, con l’idea di creare un prodotto all’insegna del benessere.

All’insegna del benessere? Ci dica di più..
L’idea è quella di suscitare nel viaggiatore la sensazione di benessere a tutto tondo; che sia del corpo attraverso trattamenti wellness, beauty o termali, ma anche benessere dell’anima, grazie alle suggestioni di atmosfere e paesaggi e, perché no, benessere dato dal cibo o dalla ricchezza culturale, artistica e naturalistica dei luoghi.

Interessante. Siamo sicuri che si tratti di un “prodotto che non c’era”?Boghiviaggi3
Per esserci c’è, in tanti cataloghi di tour operator, ma relegato a poche pagine e altrettante strutture. Noi abbiamo realizzato un catalogo minimal e un nuovo sito online dall’11 gennaio, con oltre 50 strutture selezionate in tutta Italia, con proposte semplici e immediate, per micro pacchetti con pernottamento e prima colazione oppure il solo trattamento benessere, segnalando le particolarità delle strutture, differenziando magari, quelle riservate al solo pubblico adulto, quelle che accettano famiglie con bambini e via così.

A tutti gli effetti è un’attività di tour operating. Perché dovrebbero scegliervi le altre agenzie?
Perché è un prodotto solo per le agenzie pensato da un’agenzia. Noi siamo aperti principalmente al pubblico, viviamo le situazioni e le problematiche che vivono e conoscono gli altri colleghi e poi, da agenzia ad agenzia, il rapporto è notevolmente più “schietto”.

La Boghi Viaggi è un’altra delle tante agenzie che (fortunatamente) si rimboccano le maniche e optano per una nuova formula di “fai da te”. Cosa ne pensa di questo fenomeno?
Credo che nel mercato ci siano ancora tante nicchie vuote o poco riempite, che è necessario scoprire. Noi, pur essendo in attività da solo dieci anni, avevamo già sperimentato dei prodotti “home made”, diciamo così, con un progetto legato al calcio creato in collaborazione con Calcio Como. Penso che il mondo del turismo sia cambiato e da un pezzo. Non si può aspettare il cliente, dietro la scrivania.