Turismo amico: Confesercenti al lavoro su Fondo di Garanzia e abusivismo

travel-agenciesUna collaborazione tra Confesercenti e Federconsumatori dedicata interamente alla materia dei viaggi. Nasce così il progetto Turismo amico che, tra i diversi punti, prevede l’istituzione di uno sportello antiabusivismo nazionale e soprattutto una soluzione per sostituire il Fondo di Garanzia pubblico, pronto all’abrogazione a partire dal prossimo luglio.

Un Fondo per il (l’ex)Fondo
Partendo proprio da questo, il piano delle due associazioni prevede che le agenzie di viaggio Confesercenti si impegnino a sostituire il famoso Fondo con uno strumento assicurativo privato. Il sistema permetterà quindi alla clientela che acquista pacchetti presso le agenzie associate Assoviaggi Confesercenti di partire tranquilli, senza il rischio di perdere soldi, con la garanzia del rimborso di quanto pagato e del rientro in patria in caso di fallimento o insolvenza dell’agenzia stessa attraverso il fondo di garanzia associativo.

Un’app contro l’abusivismo
Per quanto riguarda la piaga dell’abusivismo, la partnership tra le due realtà prevede l’istituzione di uno sportello nazionale per contrastare il proliferare di viaggi organizzati da soggetti e associazioni non autorizzati. Secondo i dati di Confesercenti e Federconsumatori ammontano a quota 80mila le denunce di utenti truffati da acquisti online. E anche l’abusivismo e la contraffazione dilagano: circa 8 siti web su 10 sono a rischio, e son purtroppo sempre di più quelli, italiani ed esteri, che non seguono le normative, a partire dalle informazioni obbligatorie per legge, che spesso non vengano messe a disposizione dei consumatori. E che, anche per questo sono preda di raggiri o comunque vengono indotti alla conclusione di contratti alla cui stipula poi di accorgono di non avere interesse. Le due associazioni hanno così deciso di lanciare un’app – i cui contenuti siano condivisi anche con le autorità preposte a ricevere le denunce – facilmente scaricabile su smartphone e tablet  che dia la possibilità al consumatore di individuare i siti abusivi ‘non a norma’.

L’app sarà inoltre uno strumento per condividere le informazioni di eventuali truffe subite con le autorità preposte e con gli altri utenti. Permetterà inoltre di procedere più celermente alla denuncia delle violazioni e all’istruzione delle pratiche per il risarcimento del danno subito, potendo contare sull’assistenza diretta – sempre per via digitale – degli esperti delle due associazioni. Infine, sarà creata una camera di conciliazione per dirimere le eventuali questioni tra agenti di viaggio e consumatori, sulla base di quanto previsto dal codice del turismo.