Dall’albergo diffuso al borgo diffuso: ecco l’esperimento di Sambuca di Sicilia

cortile_del_palazzo_panitteriUn albergo diffuso che copre un intero borgo, o quasi. Questo il progetto che sta prendendo piede a Sambuca di Sicilia, recentemente insignito del titolo di “Borgo dei Borghi”, per rispondere all’importante aumento di interesse da parte dei turisti, italiani e stranieri.

L’idea di un albergo diffuso in tutto il quartiere arabo nasce dalla mente di uno storico agente di viaggio siciliano, nonché presidente onorario di Fiavet e titolare della Coretur Viaggi e Turismo, ovvero Giuseppe Cassarà.
Forte del riconoscimento Borgo dei borghi 2016, il paesino di Sambuco ha ottenuto un’impennata di visitatori che hanno spinto Cassarà ma anche molti altri privati, spesso stranieri, a investire in questo progetto, volto anche al recupero urbanistico dell’antico cassaraborgo arabo di Zabut.
Secondo quanto riporta Ansa.it saranno realizzate 31 strutture ricettive, tra cui 2 suite, per una disponibilità complessiva di 116 posti letto.

Un passo importante se sei considera che si attendono circa 30mila presenze su base annua e che giustifica l’investimento di 4 milioni di euro.
I lavori dovrebbero terminare a fine giugno 2017, giusto in tempo per la prova dell’estate.